2140: La fine dei bitcoin | Blockchain Caffe



Il 2140 sarà l’anno in cui l’ultimo halving porterà l’emissione di nuovi bitcoin a zero. Cosa accadrà allora? Cosa faranno i miners? Cosa capiterà alla rete?

13 Comments

  1. Ciao, e complimenti per il canale. Vorrei farti una domanda: Ethereum é una critpo senza fine, come Monero, mentre EOS ha una tot supply di 900 milioni, con un tot max di 1 miliardo. Come mai Ethereum ha un valore così alto, essendo anche minabile, mentre EOS non arriverà mai ai valori di Eth?

  2. video sicuramente corretto e difficilmente contestabile, altresi' vero che dovrebbero essere tutte banalita' per chi opera in questo mercato perche' se davvero non si arriva da soli a certe conclusioni non si ha la minima idea di cosa si stia comprando

  3. NON HO LA TUA STESSA VISIONE L’ingegnosità di BTC sta nel resistere nel tempo , da chi vuole sostituirlo con tecnologie migliori , da chi vuole assumerne il controllo con copie artefatte…. è questo che lo renderà prezioso … la sua autenticità … libero da ogni controllo !

  4. Un problema molto serio da considerare è l'assenza di inflazione di bitcoin. Nel 2140, secondo me, oltre il 50% dei bitcoin sarà perso per sempre e non ne verranno prodotti altri. Continuerà poi il deflusso anche negli anni a venire fino a che rimarrà 1 solo satoshi in circolazione! Diciamocelo: a cosa serve una moneta pensata così? Più o meno a quello che serve oggi. A nulla.

  5. Il problema del guadagno da mining è relativo, in realtà la quantità di reward da mining sarà basso ben prima del 2140.
    Dimezzando da 100, si arriva a 1 in 6-7 passaggi, mentre da 1 a 0 ci vogliono altri 6-7 passaggi. Diciamo che il mining sarà spietato già in meno di metà tempo, altro che tra 130 anni.
    A questo riguardo, sarebbe interessante capire sin da ora qual è la percentuale di ricavi da mining e la percentuale di ricavi da fees.
    C'è qualche fonte dalla quale ricavare questo dato ?

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*